Test enzimatico per impianto

Il test enzimatico per impianto effettuato presso i laboratori Biomolecular Diagnostic va inquadrato all’interno di un contesto più ampio, che vede lo sviluppo di test diagnostici di ultima generazione, non traumatici e rapidi nei risultati, come mezzo efficace per la prevenzione della malattia parodontale e per la cura delle perimplantiti.

Dal momento che la perimplantite, ossia l’infezione dei tessuti che entrano in contatto con gli impianti dentali, è provocata dai medesimi batteri parodontali che sono responsabili dell’insorgere della piorrea, anche le conseguenze possono essere identiche. Nei casi più gravi di perimplantite, così come all’ultimo stadio della malattia parodontale, gli elementi dentali colpiti cadono.

In questo contesto, il test enzimatico per impianto si rivela uno strumento di straordinaria utilità per prevenire la parodontite e le sue pericolosissime conseguenze, poiché permette di riconoscere prontamente i processi degenerativi del parodonto e dei tessuti perimplantari.

Il test enzimatico per l’ impianto da noi messo appunto si avvale dell’altissima sensibilità nella rilevazione dell’enzima aMMP-8, che risulta presente in quantità elevate sin dai primi stati infiammatori di parodonto e tessuti molli e duri. Attraverso il test enzimatico per l’impianto, sarà possibile diagnosticare la perimplantite o la parodontite addirittura con mesi di anticipo rispetto ai tradizionali metodi di diagnosi.

Lo scopo primario del test enzimatico per l’impianto è quello di verificare in tempo reale la presenza di infiammazioni parodontali, in modo da mettere a punto istantaneamente il protocollo terapeutico più adeguato per il paziente e intervenire con largo anticipo, evitando il peggioramento delle condizioni della bocca.

Inoltre, il test enzimatico per l’impianto può essere utilizzato anche dalle donne in gravidanza che, come è noto, sono assai soggette alla cosiddetta “parodontite da gestazione”.

In termini più prettamente tecnici, il test enzimatico per l’impianto condotto presso i laboratori Biomolecular Diagnostic è chiamato “Dosaggio della metalloproteinasi-8 attiva” (aMMP-8): si tratta di un esame assolutamente indolore che prevede la raccolta di fluido crevicolare parodontale o perimplantare tramite semplici strip. Queste ultime dovranno poi essere rispedite ai laboratori Biomolecular Diagnostic per l’esecuzione la quantificazione della forma attiva della MMP-8 tramite la tecnica ELISA.

Vale infine la pena spendere qualche parola in merito alla MMP-8: cos’è esattamente? Si tratta di un enzima che ha la capacità di degradare il collagene presente nella matrice extracellulare dei tessuti parodontali. L’attivazione di questo enzima avviene a seguito dell’infiammazione che, generalmente, è la conseguenza più evidente dell’infezione batterica responsabile sia della perimplantite che della parodontite.

Rilevare alti livelli di aMMP-8 a livello salivare o del fluido crevicolare/sulculare attraverso il nostro test enzimatico per impianto permette di definire in modo precoce il danno tissutale a livello del cavo orale, con conseguente possibilità di intervento tempestivo da parte del medico odontoiatra.

Desiderate ricevere maggiori informazioni in merito al nostro test enzimatico per impianto dentale? Contattate subito i laboratori Biomolecular Diagnostic.

Comments are closed.